Assegnati gli obiettivi economici alle ASR

Con una deliberazione del 6 agosto 2012 (Dgr 4474, ALLEGATO A , ALLEGATO A1, ALLEGATO A2) la Giunta regionale ha stabilito gli obiettivi economici per la Aziende Sanitarie regionali del Piemonte. Una deliberazione importante che, purtroppo, lascia pochi dubbi sul destino che attende il Servizio Sanitario Regionale nei prossimi mesi. Il volume complessivo delle risorse ripartite è ancora più basso di quello stabilito dal Piano di Rientro. Vengono confermati i blocchi del turnover e i tetti di spesa. I nuovi limiti di spesa (comprensivi dei tagli introdotti dalla “spending review” governativa) vengono applicati in modo indiscriminato senza alcuna modulazione territoriale. Nessun accenno a  manovre di riordino o riorganizzazione della sanità piemontese, nessuna differenza tra aziende virtuose e aziende spendaccione, nessun riequilibrio tra zone ricche e zone sottofinanziate. La grande riforma del presidente Cota per il momento resta nelle intenzioni mentre la realtà ripropone risparmi di spesa e (inevitabilmente) tagli ai servizi.

Annunci

Archivio commenti

La Rete Salute (un’iniziativa avviata nell’estate 2011 da Prossima Fermata Alessandria) ha organizzato la propria autonoma riflessione intorno al tema  dei “Beni comuni” come strumenti di benessere e ha prodotto alcuni brevi testi sulla cultura, sulla salute e sulla “città che include“.

Nell’ambito della Festa del PD di Novi Ligure è stato oragnizzato un dibattito sul tema dei “Beni comuni” proponendo alcuni ulteriori testi sull’appropriatezza delle cure, sulla salute delle donne e sulla bioetica.

All’annuncio dell’approvazione di una DGR regionale che aboliva gli obiettivi di risultato per la valutazione del Direttori Generali delle ASR è stata proposta una riflessione dall’emblematico titolo “Ma ando vai?”

La Rete Salute si è riunita per pianificare il suo futuro presso la CGIL di Alessandria il 3 ottobre 2011. Ecco il verbale dell’incontro.